“I porti del re”: Jacob Philipp Hackert al Castello di Gallipoli

Print Friendly, PDF & Email

Lecce. La Sala Ennagonale del Castello di Gallipoli si prepara a ospitare la mostra “I porti del Re”, visitabile dal 21 giugno al 5 novembre.

9 le opere esposte, appartenenti all’artista tedesco Jacob Philipp Hackert, raffiguranti i porti pugliesi di Gallipoli, Barletta, Bisceglie, Brindisi, Manfredonia, Monopoli, Otranto, Taranto e Trani, nel XVIII secolo sotto l’egemonia del Regno di Napoli.

Le opere furono realizzate su commissione di re Ferdinando IV di Borbone che nella primavera del 1788 incaricò il pittore ufficiale di corte di ritrarre in dipinti e disegni tutti i porti pugliesi. 

Il viaggio di Jacob Philipp Hackert (1737-1807) sul mare Adriatico, da Manfredonia a Taranto durò più di tre mesi, durante il quale approntò il materiale occorrente.

Al rientro dai sopralluoghi, iniziò a riprodurre su tele di grande dimensione prima i porti di Taranto e di Brindisi (nel 1789), poi quelli di Gallipoli, Manfredonia, Barletta, Bisceglie e Santo Stefano di Monopoli (nel 1790), e infine quelli di Trani e Otranto (1792).

Credits: La mostra è prodotta dal Castello di Gallipoli – gestito dall’Agenzia di Comunicazione Orione di Maglie con la direzione artistica diRaffaela Zizzari – in collaborazione con la Reggia di Caserta ed è stata fortemente voluta dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Stefano Minerva.

Informazioni:

“I porti del Re”

Sala Ennagonale Sala Ennagonale, Castello di Gallipoli

21 giugno- 5 novembre

Orario: giugno e settembre dalle 10 alle 21 
luglio e agosto dalle 10 alle 24 
novembre 10/13 – 15/17

Biglietti: Intero 7 euro, ridotto 6 euro

Tel: 0833262775 / e-mail: info@castellogallipoli.it – 

Info: www.castellogallipoli.it

Fonte: Ufficio stampa Castello di Gallipoli

Potrebbe interessarti anche:

A Palazzo Magnani di Reggio Emilia arrivano Cage e Kandinsky
Il ‘Rinascimento segreto’ sboccia a Pesaro, Fano e Urbino con una mostra curata da Vittorio Sgarbi
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti