Arriva il piano strategico FUTOUROMA, verso il turismo di qualità

Print Friendly, PDF & Email

Roma, presentati oggi al Convention Center La Nuvola i risultati di FUTOUROMA, che definirà il Piano Strategico del Turismo per Roma 2019 > 2025. Tra i punti chiave da sviluppare: attrattività, accessibilità, intelligence data e sensibilizzazione.  Raggi: “Puntiamo su turismo sostenibile e di qualità. Rilanciamo insieme a tutti gli operatori del settore il presente e il futuro di Roma”.


Presentati al Convention Center La Nuvola i risultati di FUTOUROMA, il percorso partecipato e condiviso per la definizione del nuovo Piano Strategico del Turismo per Roma 2019 > 2025, che nasce dalla volontà di governare e gestire il fenomeno turistico, definendo quali sono le attività che ciascun soggetto, pubblico o privato, deve fare.

Partita a giugno di quest’anno con il Town Meeting – durante il quale idee e proposte sono state votate da 150 rappresentanti della filiera produttiva capitolina, fra cui il 50% imprenditori, bilanciati da referenti del pubblico, rappresentanti delle Associazioni di categoria, del mondo accademico e del no profit – l’elaborazione del piano pone come prioritaria, per la prima volta per Roma Capitale, la definizione condivisa di strategie per consolidare la posizione della città tra le prime 3 destinazioni europee e tra le prime 15 a livello mondiale, gestendo i flussi senza subirli passivamente e tracciando modalità ottimali di fruizione e promozione di offerta turistica capitolina, che siano sostenibili in chiave sociale, ambientale ed economica, e che siano in grado di trasformare l’immagine e il posizionamento di Roma nel contesto turistico internazionale: da città turistica visitata solo in relazione al suo passato e al suo inestimabile patrimonio artistico, a città appetibile anche come metropoli internazionale, poliedrica, attiva e che guarda al futuro.

Il Piano muove dalla necessità di adeguare l’offerta turistica della Capitale a standard qualitativi più elevati, per evitare l’overtourism, generare redditività in modo sostenibile, assicurare la sostenibilità del patrimonio materiale e immateriale cittadino, conciliare le esigenze di visitatori e residenti, incrementare la percezione di Roma nel mondo non solo come città d’arte, ma come metropoli viva, innovativa e creativa, che ispira e genera emozioni.

Tra le azioni in programma, il varo del Bollino Made in Roma che certificherà la qualità dell’offerta delle attività ricettive e ristorative, ma anche dell’accoglienza turistica in generale, l’istituzione di una task force di Polizia turistica per contrastare il fenomeno della ricettività illegale e la costituzione di una Destination Management Organisation (D.M.O.), un braccio operativo a partecipazione mista pubblico-privata, per la cooperazione di tutti gli stakeholder di settore.

Tra i punti chiave da sviluppare che sono stati individuati c’è l’attrattività: Roma è percepita nel mondo come la città d’arte per eccellenza, ma ha ancora molte attrattive per essere riconosciuta da un mercato che vada oltre la destinazione culturale. La costruzione di eventi unici e il potenziamento dei servizi legati al turismo urbano faranno da attrattori per un’offerta sempre più completa.

Altro asse importante è quello dell’accessibilità: la promozione della mobilità sostenibile, l’implementazione della segnaletica turistica multilingue e il potenziamento della rete di trasporto urbano sono tre priorità sulle quali si muoverà il piano strategico.

L’incremento degli investimenti e il coordinamento del tessuto imprenditoriale di settore, di concerto con Roma Capitale, sarà un’altra key fondamentale da connettere alla promozione e alle strategie di marketing presenti nel piano.

L’implementazione del sito web, turismoroma.it, e il rilascio dell’applicazione mobile Discover Roma/Cosa fare a Roma, rappresenteranno un valido compendio ai programmi Welcome to Rome (accoglienza mirata per congressisti) e Roma Pass il cui potenziamento è un obiettivo primario del piano. La riorganizzazione della rete dei punti informativi, gli itinerari tematici via QR Code/beacons, i sistemi digitali Web/Informazione turistica, Thanks for visiting Roma e Roma Concierge, ovvero il sistema accoglienza attraverso WhatsApp, chiudono infine il quadro degli strumenti previsti.

L’adozione di strumenti digitali garantisce, in termini di intelligence data, un flusso costante di dati. Comune e operatori, mediante la istituzione di un Osservatorio Turistico, potranno assumere decisioni strategiche grazie al monitoraggio della Destination Reputation, dei flussi online e dell’indice di soddisfazione.

Ultimo punto fondamentale è la sensibilizzazione: l’obiettivo è quello di migliorare l’esperienza del visitatore e fare in modo che i locals siano una parte fondamentale dell’esperienza turistica. I programmi coinvolgeranno tassisti, polizia locale e ATAC, come i programmi di accoglienza multiculturale coinvolgerà gli operatori turistici.

Potrebbe interessarti:

  #Xmasmood: le 5 destinazioni momondo preferite dagli italiani
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti