In Valle Tanaro dall’11 ottobre il treno del foliage e della Castagna Garessina

Print Friendly, PDF & Email

Il prossimo 11 ottobre convoglio storico da Torino Porta Nuova a Garessio all’insegna del foliage e della Castagna.


Saranno i colori e i sapori d’autunno a fare da scenografia al treno storico che il prossimo 11 ottobre solcherà per la seconda volta dell’anno i binari della Ferrovia Turistica del Tanaro. Una caleidoscopica immersione tra montagne che profumano di mare e che il respiro dell’autunno comincia a tinteggiare con sfumature calde ed eterogenee. Dal Bric Mindino al Monte Armetta, dal Monte Galero al Pizzo d’Ormea. Sono tante le asperità solleticate fin dal 1893 dalla linea ferroviaria Ceva-Ormea, riconvertitasi di recente all’esclusiva veste turistica grazie all’impegno di Fondazione Ferrovie dello Stato, Regione Piemonte e Unione Montana Alta Val Tanaro.

Diversi i programmi a disposizione dei viaggiatori (il cui numero complessivo è oggi limitato e contingentato in ottemperanza con le disposizioni ministeriali legate all’emergenza sanitaria in atto) per un’unica grande destinazione: la città di Garessio. Inserita nei Borghi più Belli d’Italia e da sempre patria di funghi e di castagne (la “Garessina” ha da poco ottenuto la De.C.O., ndr), la celebre località valtanarina è pregna di beni storici e artistici di pregio. Tre, in particolare, le proposte turistiche formulate per l’occasione: un giro in bici dalla stazione di Pievetta al centro storico di Garessio per respirare a fondo il tratto mediano della Valle Tanaro; un caleidoscopico trekking verso Pietra Ardena per ammirare dall’alto la caratteristica morfologia del paese, toccando con mano il fascino recondito dei castagneti storici; un pranzo al ristorante, infine, con annessa visita guidata al borgo medievale e ai musei del centro storico. Per tutti il denominatore comune della Castagna Garessina con degustazioni e mostra-mercato di prodotti tipici.

Un viaggio nel tempo e nello spazio alla scoperta di un territorio silenzioso che si sta lentamente addormentando tra le braccia dell’autunno. Una giornata adatta a tutta la famiglia, capace di amalgamare storia, paesaggio ed enogastronomia, pensata per il turista semplice e per l’amante delle escursioni in natura. Il convoglio storico partirà da Torino Porta Nuova alle ore 9.05 e fermerà nelle stazioni di Torino Lingotto, Savigliano, Mondovì e Ceva, con ritorno a Torino previsto alle ore 19.55.

 

Potrebbe interessarti:

Al via “Acetaie Aperte”, tra degustazioni e visite guidate
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti