Europa, le nuove linee guida sul turismo. Cosa cambia?

Print Friendly, PDF & Email

In arrivo importanti novità per chi “viaggia” in Europa. I pacchetti turistici  acquistati online saranno equiparati a quelli comprati in agenzia di viaggio e non soltanto. Un serie di modifiche andrà a ridisegnare l’attuale direttiva comunitaria sul turismo, datata 1990.
Accessibilità, digitalizzazione e sostenibilità sono le leve strategiche scelte per promuovere il turismo dal Parlamento europeo, che lo scorso 29 ottobre ha approvato il dossier “Nuove sfide e strategie per promuovere il turismo in Europa”. Ecco i dettagli.

Parlamento europeo: il nuovo dossier sul turismo

Il rapporto approvato dal Parlamento europeo contiene le nuove linee guida per il settore. Si tratta della prima volta che Strasburgo stabilisce le linee generali in questo comparto e tanto dipende dai cambiamenti che questo sta vivendo attualmente.

I cambiamenti nel mercato dei viaggi e la crescente tendenza a prenotare viaggi online, rendono urgentemente necessario modernizzare e adattare la vecchia direttiva, risalente al 1990. Grazie alla revisione di questa normativa, i diritti dei viaggiatori in Europa, in generale, si rafforzano.

È quanto dichiara la relatrice Birgit Collin-Langen in occasione della Plenaria dello scorso 29 ottobre. 

Di cosa parla il dossier? Ecco i tre punti principali:
1. Accessibilità e digitalizzazione dell’offerta turistica. Potenziare l’infrastruttura digitale per facilitare l’incontro tra domanda e offerta turistica è fondamentale per rendere competitivo il comparto in Europa come ridisegnare il meccanismo dei visti per snellire l’arrivo in Europa da cittadini provenienti da Paesi extra Ue;

2. Sostenibilità del turismo europeo. Tale aspetto si realizzerà in due azioni:

  • da un lato la creazione di una rete europea e di una piattaforma web in grado di raccogliere tutte le informazioni su prodotti e destinazioni turistiche in un’unica banca dati collegata al portale Visiteurope.com in collaborazione con la Commissione europea e la CET (Commissione Europea del Turismo);
  • dall’altro la nascita della Carta europea del turismo sostenibile e responsabile e di iniziative volte a sostenere ad esempio, le Destinazioni europee di eccellenza (EDEN).

3. Riforma sui pacchetti di viaggio diventa legge.  L’acquisto di un pacchetto turistico online con la formula “tutto compreso” o tramite pagine web che includono almeno un volo e un hotel o un auto-noleggio, prevederà gli stessi diritti dell’acquisto presso le agenzie di viaggio.

Potrebbe interessarti anche: Pacchetti turistici online o in agenzia? In arrivo stessi diritti e tutele

Fonte: Federturismo

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti