Cortona, cittadina toscana dal fascino medievale dove batte il cuore di Jovanotti

Print Friendly, PDF & Email

L’unico pericolo che sento veramente è quello di non riuscire più a sentire niente

Jovanotti

Antica città di origine etrusca, Cortona sorge su un colle a circa 600 metri d’altezza.

Luogo magico ed affascinante si affaccia sulla Valdichiana e offre una vista da mozzare il fiato a 180 gradi che raggiunge i confini Umbri, lasciandovi intravedere anche il lago Trasimeno.

Cortona preserva ancora molti resti del periodo Etrusco, come le antiche mura ancora oggi intatte.

A trasformare Cortona da umile comune in provincia di Arezzo a meta internazionale, il successo del best seller “Sotto il sole della Toscana”, e successivamente il set del film stesso, grazie alla scrittrice americana Frances Mayes, che passa parte dell’anno a Cortona nella sua villa Bramasole.

Meta ideale per chi cerca un po’ di meditazione e tranquillità, Cortona nonostante il turismo riesce ancora a trasmettere un’incredibile sensazione di pace.

Ma la bella cittadina dal fascino medievale non è nota solo per questo, famosa soprattutto per essere la città natale di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti.

Jovanotti abita nella parte alta di Cortona, al Poggio, da dove domina la Valdichiana:

alberi da frutto e un prato verde circondano la casa che possiede, un cortile dove il cantante è solito fare colazione insieme ai suoi cani.

Qui ci sta l’estate ma anche in altri periodi dell’anno.

Nel cuore del centro storico di Cortona invece, in Piazza della Repubblica 6, troviamo il piccolo negozio di antiquariato che era di Mario Cherubini, il babbo di Jovanotti.

Altri luoghi di Cortona frequentati dal cantante sono il bar La Saletta, in Via Nazionale 26, e l’Osteria del Teatro, in Via Giuseppe Maffei 2, dove Jovanotti ama mangiare la tartara di tonno e salmone, i ravioli ai fiori di zucca e il risotto ai funghi.

Da non perdere in questo splendido angolo di Toscana sono:

  • Il convento di San Francesco “Le Celle”, convento che costituisce uno dei primi insediamenti francescani scelto e voluto da Francesco d’Assisi.

 

  • MAEC – Museo della civiltà Etrusca, attualmente suddiviso in due principali sezioni dedicate rispettivamente all’Accademia Etrusca e alla Città etrusca e romana di Cortona.

 

  • Museo Diocesano, museo che raccoglie vari oggetti ed opere d’arte provenienti dalle chiese del territorio appartenenti alla diocesi, tra cui opere di: Pietro Lorenzetti, Beato Angelico, Bartolomeo della Gatta, Sassetta e Luca Signorelli, oltre ad arredi sacri di notevole pregio.

 

  • Fortezza di Girifalco, l’antichissima rocca fortificata dove Jovanotti nel 2010 ha inaugurato un bastione ristrutturato a nuovo destinato ad ospitare laboratori ed eventi.

 

  • Basilica di Santa Margherita, santuario dedicato alla figura di Santa Margherita, patrona di Cortona e terziaria francescana, e alla successiva attività culturale e spirituale dei Francescani Osservanti.

 

  • Parco archeologico del Sodo, sito di notevole importanza dove è situato il tumulo di Melone I e II e del Sodo.

 

  • Chiesa di Santa Maria delle Grazie al Calcinaio, chiesa dedicata ad un’immagine della Madonna col Bambino, dipinta sulla parete di una vasca adibita alla concia del cuoio per le pelli (chiamata calcinaio per la calce viva usata a questo scopo) che iniziò a fare miracoli e operare guarigioni.

 

  • Chiesa di Santa Maria Nuova, costruita verso la metà del XVI secolo da Giorgio Vasari, è la chiesa dove Lorenzo Cherubini ha celebrato nel 2008 le proprie nozze con Francesca, madre di sua figlia.

 

  • Villa del Bramasole, la bellissima villa protagonista del best seller “Sotto il sole della Toscana”, di proprietà della scrittrice americana Frances Mayes, ora meta di migliaia di turisti sopratutto stranieri provenienti da tutto il mondo.

 

  • La Tanella di Pitagora, celebre monumento noto ai viaggiatori fin dal 1500, la tanella è un piccolo tumulo di periodo ellenistico.

 


Fonti: Comune di Cortona

 

 

Potrebbe interessarti anche:

CENTRO STORICO DI CORTONA: PIAZZA DELLA PESCAIA IN POGGIO RECUPERA IL SUO FASCINO

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti