Al via la KPMG Tortola Torture, la più attesa ultramaratona dei Caraibi

Print Friendly, PDF & Email
Partecipante della Tortola Torture (Ultramaratona)

Il 22 aprile riparte a Tortola la KPMG Tortola Torture: la più attesa e difficile ultramaratona dei Caraibi.

La maggiore delle Isole Vergini Britanniche ospita per la terza volta una delle sfide più estreme del running. Con distanze superiori ai 42.195 chilometri della classica maratona. La KPMG Tortola Torture offre 54 chilometri per scoprire tutto il fascino di Tortola e delle Isole Vergini Britanniche. 

Il percorso si snoda su un terreno in buona parte montuoso. I corridori devono affrontare 3.660 metri didislivello e circa il 78% del percorso totale su strade in salita o in discesa. Ci sono solo 12 chilometri su terreno pianeggiante.

È rinnovata dai partecipanti delle edizioni scorse con il soprannome “The Torture” (La Tortura). Oltre alle caratteristiche del terreno, anche le temperature tropicali sono ostiche e rendono la competizione ancora più difficile.

Ad esempio, uno dei finalisti della Marathon Des Sables, competizione podistica nel Sahara marocchino, l’ha definito così: “È la gara della durata di un giorno più difficile a cui abbia mai partecipato.”

La KPMG è aperta a partecipanti individuali e a team di due e tre persone che gareggiano in staffetta. La quota d’iscrizione è di $ 105 a persona. Comprende la medaglia da finisher, acqua distribuita lungo tutto il percorso e in cinque soste acqua, un ‘Pasta Party’ pre-gara e altri premi.

 

Tutti i dettagli della gara (anche il modulo di registrazione) sono disponibili su www.tortolatorture.com

Per ulteriori informazioni, potete consultare www.bvitourism.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Un’estate d’arte nelle città marchigiane

È ricchissimo il programma culturale dell’estate 2018 promosso dalla Regione Marche anche attraverso il progetto espositivo “Mostrare le Marche”.  Si tratta di un percorso imperdibile nato ...
Vai alla barra degli strumenti