L’influenza dell’architettura europea a Bangkok

Print Friendly, PDF & Email

Bangkok. Quando si pensa all’architettura thailandese automaticamente il nostro immaginario corre ai templi ricoperti di mosaici, ai timpani ornati di draghi, o ai tetti elegantemente curvi e alle case di legno, fino agli straordinari grattacieli che passo dopo passo stanno disegnando lo skyline di Bangkok.


Ma pochi sono a conoscenza del fatto che Bangkok e la Thailandia possiedono uno dei più ricchi patrimoni architettonici europei del sud-est asiatico. E molti si chiedono come sia possibile in un paese che non è mai stato colonizzato.

Se la colonizzazione europea nella regione si fermò ai confini del Siam, l’influenza culturale dell’Europa si estese fino al regno di Thailandia. Re Rama IV (1804-1868) parlava fluentemente l’inglese ed era molto ben informato sulla cultura europea. Il Siam fu interessato dall’espansione della presenza coloniale in Asia quando furono firmati i trattati commerciali con le potenze europee. Una contaminazione caratterizzata anche dall’introduzione dell’istruzione in stile occidentale.

Re Rama IV era un appassionato conoscitore dell’architettura europea e il suo regno segnò la costruzione dei primi edifici in stile occidentale sotto il patronato reale. Il più simbolico fu il palazzo estivo di Phra Nakhon Khiri nella provincia di Phetchaburi. Situato su una collina, il complesso del Palazzo è un mix di stupa e templi thailandesi circondati da sale del trono in stile europeo e residenze con arcate, archi, finestre in stile rinascimentale e colonne classiche.

Suo figlio, Re Rama V il Grande (1853-1910) ha proseguito in questa opera. Durante il suo regno dal 1868 al 1910, architetti, ingegneri, scultori e pittori giunsero da tutta Europa per contribuire allo sviluppo del paesaggio di Bangkok intorno al Grand Palace e al fiume Chao Phraya, riproducendo un modello di sviluppo urbano molto europeo con l’intento di rendere Bangkok splendida e moderna come Hanoi, Singapore o Rangoon.

I quartieri di Dusit e Phra Nakhon sono le zone migliori per ammirare le strutture europee a Bangkok. Entrambe conservano un tesoro di influenze italiane e tedesche in palazzi ed edifici che fondono lo stile europeo e thailandese – i migliori esempi sono la Sala del Trono Chakri Maha Prasat all’interno del Grand Palace e la sala principale dell’Università di Chulalongkorn. Anche il famoso Tempio di marmo (Wat Benchamabophit) con la sua architettura in stile thai assimila molti motivi di design occidentali. La sua struttura è ispirata ad una chiesa, il marmo utilizzato è di Carrara, mentre le vetrate gotiche portano luce all’interno dell’Ubosot e nella sala principale.

Con il regno di Re Rama VI, l’architettura europea si è mescolata allo stile del Siam. Gli edifici del Vajiravudh College sono esempi eccellenti di questa evoluzione.

Dopo la scomparsa del re Rama VI, l’influenza architettonica europea declinò fino alla rivoluzione thailandese del 1932 con il passaggio a una monarchia costituzionale. Il nuovo governo thailandese si rivolse nuovamente all’Europa seguendo le tendenze architettoniche dell’Art Deco e del Razionalismo Monumentale che erano di moda in Europa. Ratchadamnoen Klang Avenue e l’area circostante, fiancheggiate da edifici in stile anni ’30, con il maestoso Monumento alla Democrazia come fulcro del suo centro, è fortemente influenzata dall’architettura italiana di quel tempo.

Fonte: Ufficio del Turismo della Thailandia

Potrebbe interessarti:

La Thailandia festeggia il primo volo Qatar Airways per Chiang Mai
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti