Cordon Bleu: la ricetta del Vallese, dai tempi di Napoleone

Print Friendly, PDF & Email
Cordon bleu: ricetta tipica del Vallese. Ph. BST-AG, via Valais.ch.

La storia e la preparazione del piatto made in Briga.

Tutti conoscono il Cordon bleu, la cotoletta impanata e farcita con formaggio e prosciutto, la cui origine però resta sconosciuta ai più. A causa del nome si è portati a pensare che la sua nascita sia avvenuta in Francia. Ma non è così.

Cordon bleu: la storia dietro alla ricetta

Le origini

Il Cordon bleu è stato inventato in Vallese e precisamente a Briga, il principale centro della parte di lingua tedesca del Vallese. Correva l’anno 1818 e il Vallese si era da pochi anni reso indipendente, dopo il passaggio di Napoleone. In un ristorante della città era atteso un gruppo di trenta persone che, per festeggiare una ricorrenza, si voleva concedere una cena a base di arrosto di maiale. Tutto era pronto per l’occasione e la cuoca era al lavoro in cucina quando nel locale fece irruzione un altro gruppo di una trentina di persone. Cosa fare, mandarli via o improvvisare qualcosa per sfamarli?

Piatti tipici dell’Umbria: la torta di Pasqua al formaggio

La cuoca fece di necessità virtù, dando fondo alla sua creatività. Tagliò l’arrosto a fette molto fini e lo farcì con prodotti del territorio che non mancavano mai nella dispensa, ovvero formaggio e prosciutto. Gli ospiti furono tutti entusiasti di questa nuova specialità e il proprietario della struttura rimase così colpito dall’intraprendenza della sua cuoca da volerla ricompensare con il conferimento del Cordon bleu, un’onorificenza creata dal re francese Enrico III nel 1578.  La cuoca, di cui non si conosce l’identità, rifiutò il riconoscimento ma propose che il suo nome venisse dato al nuovo piatto. Nacque così il Cordon bleu.

Castello di Stockalper a Briga, patria del Cordon Bleu. Via Wikimedia Commons.

Castello di Stockalper a Briga, patria del Cordon Bleu. Via Wikimedia Commons.

Il Cordon bleu oggi

Ancora oggi a Briga questa specialità viene celebrata in numerosi ristoranti e grazie a manifestazioni dedicate. Come nel caso del Cordon bleu entrato nel Guinness dei primati nel 2019 con i suoi 60,41 metri di lunghezza.

Cucina romana: la colazione rinforzata per Pasqua

Ingredienti per 4 persone

  • 4 bistecche di maiale tagliate a libro;
  • 100 g di fromaggio Raclette du Valais DOP;
  • 4 fettine di Prosciutto crudo del Vallese IGP tagliate sottili;
  • 1 uovo;
  • 50 g di farina;
  • 120 g di pangrattato;
  • Sale, pepe.
Cordon bleu, ricetta tipica del Vallese.. Via Wikimedia Commons.

Cordon bleu, ricetta tipica del Vallese.. Via Wikimedia Commons.

Preparazione (25 minuti)

  1. Tagliare le bistecche di maiale a libro. A seconda delle dimensioni, battere un po’ la carne. Insaporire con sale e pepe.
  2. Farcire le bistecche con il prosciutto crudo e il formaggio, facendo in modo che quest’ultimo non possa fuoriuscire quando sarà fuso (chiudere con stuzzicadenti).
  3. Passare nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato. Premere bene il pangrattato sulla carne. Friggere in abbondante olio.

Servire con patatine fritte. Vino in abbinamento: Pinot Noir.

Esiste anche il Cordon bleu alla vallesana, variante con carne di pollo o tacchino.

Fonte: valais.ch.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti