La città eterna compie 2774 anni: cosa vedere per l’occasione

Print Friendly, PDF & Email
Roma

Roma compie 2774 anni. Scopriamo i monumenti e i luoghi da vedere durante una visita della città eterna.


La leggenda vuole che il 21 aprile del 753 a.C. due fratelli, Romolo e Remo, fondarono la città eterna. Nel 2021 si festeggia quindi il 2774 Natale di Roma. Capitale d’Italia, tra le città più belle del mondo, Roma, con il suo centro storico, insieme alle proprietà extraterritoriali della Santa Sede dentro la città e alla Basilica di San Paolo Fuori le Mura, è tra i 55 siti italiani inseriti dall’Unesco nella World Heritage List. Il centro storico, compreso tra le mura aureliane e le mura gianicolensi, comprende ben 25.000 punti di interesse ambientale e archeologico. Scopriamo quelli da non perdere per l’occasione.

Il centro storico 

Diventato nel tempo simbolo della città assieme alla Lupa, il Colosseo è sicuramente tra i luoghi da visitare almeno una volta nella vita. Il sito del Patrimonio Mondiale (dal 1980) comprende alcuni dei monumenti più importanti dell’antichità, tra i quali spiccano i Fori Imperiali. Poco distanti, sul colle Aventino, si trovano due capolavori, sede degli svaghi della gens romana: le terme di Caracalla, tra i più grandiosi esempi di bagni pubblici, e il Circo Massimo, dedicato alle corse delle bighe. Spostandosi a Nord lungo il Tevere si incontra invece il Mausoleo di Augusto, imponente monumento funerario voluto dall’imperatore Augusto nel 29 a.C. al suo ritorno da Alessandria, che ricorda la tomba di Alessandro Magno. Altro famoso mausoleo è quello di Adriano, su cui si innalza Castel Sant’Angelo, collegato allo Stato del Vaticano da un corridoio fortificato. 

 

Lonely Planet, 48 ore a Roma. Via Turismo Roma. Lonely Planet: sbarca a Roma il format ’48 ore a…’

 

Colonne monumentali e piazze indimenticabili 

Sempre nel centro storico sorge il Pantheon, tempio dedicato alle divinità dell’Olimpo, voluto dall’imperatore Adriano e chiamato dai romani “la Rotonda”. Ma di indubbio interesse sono anche le colonne monumentali: la Colonna Traiana, eretta per celebrare la conquista della Dacia da parte dell’imperatore Traiano, e la Colonna di Marco Aurelio innalzata tra il 176 e il 192 per rendere omaggio alle vittorie sulle popolazioni germaniche, collocata davanti a Palazzo Chigi (sede attuale del Governo) in Piazza Colonna. 

Tante poi le piazze, luoghi indimenticabili di Roma: Campo dei Fiori, con al centro la statua del filosofo eretico Giordano Bruno e Piazza Navona, dove sorge la splendida Fontana dei Quattro Fiumi del Bernini. Seguono: Piazza di Spagna, dominata dalla celebre scalinata, Piazza del Popolo con le caratteristiche chiese gemelle, Piazza Venezia con l’imponente Vittoriano alle cui spalle sorge il Campidoglio, il Largo di Torre argentina con i resti di antichi templi romani, Piazza Trilussa e Piazza Santa Maria in Trastevere, site entrambe nello storico quartiere di Trastevere.

Santa Maria Maggiore, San Giovanni in Laterano e San Paolo fuori le Mura 

Oltre al centro storico di Roma fanno parte del patrimonio Unesco anche alcuni edifici religiosi e pubblici della Roma papale, proprietà extraterritoriali della Santa Sede. Tra questi vi sono alcune delle Chiese più belle della Capitale. La Basilica di Santa Maria Maggiore è una delle basiliche maggiori di Roma, di enorme valore artistico e religioso. Peculiarità della basilica è l’abbondanza di mosaici, ma si ricordano anche la facciata posteriore, capolavoro d’arte barocca di Carlo Rainaldi, e la cupola, elemento caratteristico del panorama della città. 

San Giovanni in Laterano  fu la prima cattedrale di Roma: qui l’imperatore Costantino dopo il 312 consentì l’istituzione della prima sede episcopale. A cinque navate, con l’esterno semplice e l’interno riccamente decorato, la basilica, per l’ Anno Santo del 1650, fu restaurata da Borromini. Fu in seguito a questo restauro che la la chiesa assunse il suo aspetto barocco. Sempre per volere di Costantino fu costruita nel 314 la basilica di San Pietro fuori le Mura, successivamente ampliata. Nel 1823, dopo un incendio, fu ricostruita dall’architetto Poletti. 

Insieme al centro storico di Roma e alle tre grandi chiese, nella lista Patrimonio dell’Umanità sono stati inseriti anche diversi palazzi di notevole interesse, tutti di proprietà del Vaticano. A cominciare dalla Cancelleria, ci sono poi Palazzo dei Propilei, Palazzo Maffei, Palazzo San Callisto e, infine, il Palazzo di Propaganda Fide. 

 

Roma. Area Sacra di Torre Argentina

 

Fonte: Agenzia Nazionale del Turismo 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti