Consigli utili per viaggiare sicuri in tempo di Grexit

Print Friendly, PDF & Email
grecia

In tempo di Grexit, in uno scenario di incertezze e perplessità diffuse, ecco le risposte ai principali dubbi e alcuni consigli utili per evitare di partire per la Grecia disinformati.

Carte di credito e bancomat

Uno dei timori maggiori è quello di non riuscire a prelevare o a pagare a causa di bancomat bloccati e/o carte di credito non funzionanti. “Le misure che limitano la circolazione del capitale imposte dal governo ellenico, l’impossibilità di prelevare più di 60 euro al giorno, dichiara il Ministero dell’Economia greco, non riguardano quanti utilizzano carte di credito o debito emesse all’estero”, ma solo il popolo ellenico.

Se è vero che la stretta delle banche greche non colpisce le carte estere, il cui unico limite è quello previsto dal proprio istituto bancario, potrebbero esserci disagi dovuti a possibili interruzioni del servizio o a svuotamenti degli sportelli eroganti o semplicemente alle lunghe code ai bancomat. Inoltre, data la necessità per i greci di reperire denaro contante, diversi commercianti, ristoratori e altri operatori del settore potrebbero preferire al pagamento elettronico quello in cash.
Si consiglia, dunque, di portare con sé una quantità di contanti tale da coprire almeno il costo dell’intero soggiorno, senza però perdere il senso della misura per evitare di tornare a casa con ricordi spiacevoli in caso di furti.

Cibo e beni di prima necessità

I viaggiatori che prenotano in agenzia, spiega il presidente di Astoi Confindustria Viaggi, Luca Battifora, sono tutelati in caso di eventuali problemi e se il rischio è inferiore per quanti hanno optato per il soggiorno in albergo o nei villaggi, i disagi potrebbero aumentare per i turisti che hanno prenotato e organizzato la propria vacanza in autonomia e non possono contare sull’assistenza delle agenzie.
Per chi soggiorna in residence e appartamenti potrebbero esserci problemi di scorte che potrebbero esaurirsi in anticipo. Al momento gli scaffali dei supermercati sono ancora pieni.  Si segnala, invece, la scarsità di alcuni prodotti in diverse farmacie. Si consiglia pertanto di portare con sé delle scorte di medicinali.

Trasporti, carburante e sicurezza

Altra nota dolente riguarda gli scioperi dei trasporti e la razionalizzazione del carburante. Se non è possibile prevedere i primi, il direttore dell’Ente Ellenico del Turismo in Italia, Kiriaki Boulasidiou, rassicura che non ci sono problemi di rifornimento. In questo caso, il consiglio è quello di consultare costantemente il sito viaggiaresicuri.it per conoscere in tempo reale eventuali disagi o blocchi.
Per restare aggiornati su eventuali manifestazioni di piazza la Farnesina consiglia di registrarsi, 30 giorni prima dalla data di partenza, sul sito dovesiamonelmondo.it, in modo da rendere noto il proprio soggiorno al Ministero degli Esteri in caso di eventuali emergenze. Occorre, infine, considerare che eventuali manifestazioni di piazza si terrebbero nei grandi centri, come Atene e Salonicco, non nelle isole.

Passaporto o carta d’identità

L’eventuale definitiva uscita dall’euro della Grecia ha sollevato, infine, anche domande relative ai documenti di viaggio necessari. C’è chi si chiede se sia necessario il passaporto. Il direttore dell’Ente Ellenico per il Turismo in Italia rassicura che “è sufficiente la carta di identità valida per l’espatrio”.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti