Viaggiare sicuri, avvisi della Farnesina sui paesi a rischio

Print Friendly, PDF & Email

Continuano tensioni e allarmi terrorismo in tutto il mondo. Ultimo in ordine di tempo, l’esplosione multipla nel centro di Giacarta, in Indonesia, con un bilancio provvisorio di 10 morti. Una strategia precisa, quella dei terroristi, attentare al cuore dell’economia mondiale: il turismo. E così Egitto, Turchia, Tunisia, Kenya, India e Indonesia stanno vivendo una stagione di violenze e ripercussioni sul piano degli ingressi turistici.

Ecco consigli e comunicazioni sulla sicurezza nei paesi colpiti, che la Farnesina da, sul sito Viaggiare Sicuri, a chiunque si trovasse in viaggio in questi giorni, o stesse pensando di partire:

Indonesia

Attacco multiplo a Giacarta

Esplosioni si sono verificate in alcune zone di Jakarta, in particolare nella zona centrale di Sarinah. Si invitano i connazionali presenti ad evitare temporaneamente gli spostamenti ed a seguire le indicazioni delle Autorità locali. In caso di emergenza, l’Ambasciata d’Italia a Jakarta è contattabile al numero + 62 8151811344.

La minaccia terroristica rimane presente in tutto il territorio indonesiano, in particolare nella capitale Jakarta e nelle altre maggiori aree urbane. Le Autorità indonesiane, mantengono alto il livello di allerta a prevenzione di eventuali iniziative da parte di gruppi terroristici. Obiettivi passati sono stati sedi di Istituzioni, strutture occidentali e luoghi frequentati da stranieri, ivi incluse rinomate località turistiche (come Bali) e luoghi di culto. È pertanto consigliabile mantenere elevata la soglia di attenzione, evitando, per quanto possibile, manifestazioni e assembramenti, specialmente durante i fine settimana e dopo la preghiera del venerdì.

Turchia

Il 12 gennaio un attentato terroristico ha causato numerose vittime tra turisti stranieri nella zona di Sultanahmet nei pressi dell’obelisco di Teodosio ad Istanbul. Si era verificata inoltre nel pomeriggio del 1 dicembre un’esplosione presso la stazione della metropolitana “Bayrampasa” di Istanbul. Alla luce dei summenzionati eventi si raccomanda di esercitare in tutto il Paese – anche nei luoghi di attrazione turistica – la massima prudenza, evitando manifestazioni, le vicinanze di installazioni militari e delle Forze dell’ordine e, in generale, luoghi di grande assembramento ed elevata frequentazione, in particolare nei centri urbani, dove persiste il rischio di attentati terroristici.

Egitto

Assalto armato contro resort di Hurgada
Si è verificato un assalto armato contro il Resort Bella Vista di Hurgada. Si raccomanda ai connazionali di evitare la zona e di attenersi alle indicazioni impartite dalle autorità di sicurezza locali. In caso di emergenza, l’ Ambasciata al Cairo è contattabile al numero 0227943194/5.
Il Paese continua infatti a registrare un clima di instabilità e turbolenza che spesso sfocia in turbative per la sicurezza e in azioni ostili anche di stampo terroristico, situazione di cui ogni connazionale che si rechi in Egitto, anche nelle aree turistiche, deve essere pienamente consapevole. Si raccomanda la massima prudenza ai connazionali che si trovino in Egitto nei luoghi pubblici come le stazioni ferroviarie e dei bus, la metropolitana, i mercati, nonché nelle vicinanze di edifici governativi, stazioni di polizia, installazioni militari, musei e nei tratti stradali che collegano gli aeroporti alle località turistiche.

Kenya

Alla luce della perdurante minaccia terroristica si segnala l’attivismo di formazioni terroristiche suscettibili di porre seri rischi alla sicurezza con particolare riferimento all’area della città di Mombasa, in quella di Malindi, e nelle regioni di Ijara, di Garsen, di Garissa, Wajir e Mandera – si raccomanda di elevare la soglia di attenzione e di mantenere comportamenti ispirati alla massima prudenza.

India

A seguito degli attentati che hanno recentemente colpito Australia, Francia, Pakistan e Afghanistan, il Governo indiano mantiene un allarme a livello nazionale circa la possibilità di attacchi terroristici nel Paese. I luoghi maggiormente a rischio rimangono i luoghi ad alta frequentazione, come i mezzi di trasporto pubblico, stazioni di autobus e treni, mercati. Aree sensibili possono inoltre rivelarsi le località frequentate da stranieri, sia nelle grandi città, sia in destinazioni turistiche, con particolare riferimento a hotel di catene internazionali, centri commerciali, aeroporti e voli di linea. Si raccomanda ai connazionali presenti sul territorio indiano di adottare un atteggiamento di elevata vigilanza e particolare cautela, evitando il più possibile i luoghi di assembramento, culto e di eventuali manifestazioni.

Si raccomanda di effettuare viaggi nel Paese soltanto se ritenuti necessari. Si è svolto il 25 ottobre 2015 il primo turno delle elezioni presidenziali. Il secondo turno avrà luogo il 24 gennaio 2016. Durante tutto il processo elettorale e fino all’insediamento del Presidente eletto (prima metà di febbraio) si invitano i connazionali presenti ad Haiti ad esercitare particolare cautela negli spostamenti e ad evitare manifestazioni ed assembramenti.

Per maggiori informazioni visitare il sito www.viaggiaresicuri.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti