Voli, cosa fare per ottenere il risarcimento danni

Print Friendly, PDF & Email

Volo cancellato, in ritardo? Overbooking? Bagagli smarriti?
Anche sottoscrivendo le assicurazioni suggerite dalla compagnia aerea, a volte non si riesce a ottenere il risarcimento danni e non sia semplice far rispettare i propri  diritti di passeggero specialmente in un periodo in cui le cancellazioni di voli sono all’ordine del giorno, le compagnie aeree falliscono, gli scioperi si fanno sempre più frequenti.

Per questo motivo si sono costituiti studi legali come risarcimentovolo.it  che si occupano di questa materia e forniscono consulenza giuridica ad hoc per ottenere il risarcimento danni.

I settori in cui opera il team di legali sono relativi ai casi più frequenti di disagi da parte delle compagnie aeree. Si è riscontrato che non sempre i passseggeri sono a conoscenza che ogni casistica è regolamentata dalla normativa Europea. Anche chi conosce la Carta dei diritti del Passeggero spesso non ha il tempo per poter studiare e avviare la pratica di risarcimento.

  • Ritardo o Cancellazione del volo aereo
  • Overbooking
  • Bagaglio Smarrito
  • Vacanza Rovinata

La percentuale dei rimborsi ottenuti rispetto alle pratiche avviate è stata del 98% nel primo semestre 2017.

 

SE LA COMPAGNIA E’ EXTRA COMUNITARIA

Si può procedere alla richiesta di risarcimento anche se si vola con una compagnia aerea extra comunitaria partendo da un paese extra Unione Europea (es. volo da Miami a Roma con American Airlines) si possono ottenere i risarcimenti previsti dalla Convenzione di Montreal che disciplina il trasporto aereo internazionale.

 

Ognuna di queste circostanze è regolamentata da normativa Europea, di cui non sempre i passeggeri sono a conoscenza o magari, pur essendo a conoscenza della Carta dei diritti del Passeggero sommariamente, non hanno il tempo per poter studiare autonomamente il da farsi per essere risarciti per il loro caso.

Inoltre, non sempre le informazioni sulle modalità di richiesta di rimborso sono trasparenti e spesso capita che il passeggero che vive un certo disagio non viene assistito adeguatamente, ma lasciato solo nel bel mezzo di un bailamme, tra voci automatiche e centralinisti che lo dirottano da un centralino all’altro.

Per evitare di perdersi tra normative europee o sprecare interminabili ore di attesa al telefono, rivolgersi alle società di assistenza è la soluzione ideale. Ad esempio con RisarcimentoVolo la richiesta di rimborso è semplice e non richiede alcun impegno economico.

Sul sito della società basta compilare il form presente in home page con i dati sul volo e alcune informazioni sulle tempistiche di contatto da parte della compagnia aerea in seguito a al ritardo, alla cancellazione o a un’altra delle casistiche riportate in precedenza, e le opzioni offerte dalla compagnia per risolvere la situazione.

Grazie ad alcune domande, è già possibile sapere se ci sono i requisiti per ottenere un risarcimento, dopodiché basta compilare un altro form per dare mandato alla società a procedere con la pratica. Lo staff dei legali di RisarcimentoVolo acquisisce tutte le informazioni, per poi presentare formale richiesta di risarcimento secondo le normative vigenti. Non vengono richiesti anticipi economici, ma il costo della consulenza della società viene detratto all’erogazione dell’eventuale risarcimento ottenuto.

Info: www.risarcimentoinvolo.it

Pubblicato l’11 ottobre 2017

Ultimo aggiornamento 16 gennaio 2018

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti