Idee per Pasqua 2018? Un weekend in Sudafrica

Print Friendly, PDF & Email

Milano. Le vacanze pasquali si avvicinano ed è tempo di decidere dove trascorrere le meritate ferie. Per coloro che sono alla ricerca di un viaggio indimenticabile, clima mite, esperienze uniche che combinano relax ad attività più dinamiche, il Sudafrica è il posto giusto.


Per visitare in maniera completa questo paese, è possibile approfittare del pacchetto vacanze di Pasqua proposto dal Il Diamante. La partenza è prevista il 26 marzo con arrivo a Johannesburg il giorno 27 dove subito si verrà accolti da una guida locale di lingua italiana.

Si parte da Pretoria, capitale amministrativa del Sudafrica, per un breve tour orientativo. Qui si possono ammirare gli esterni degli “Union Buildings”, uno dei complessi architettonici più importanti del paese e sede oggi del Governo e della Presidenza della Repubblica.

Fu in questi edifici che  il 10 Maggio 1994 Nelson Mandela fece il primo discorso al popolo sudafricano e al mondo in qualità di primo Presidente di colore democraticamente eletto, sancendo così la fine dell’apartheid.

La giornata termina con un breve viaggio verso Hazyview, nel cuore della provincia del Mpumalanga dove si esplora il settore meridionale della rinomata “Panorama Route”, un percorso altamente paesaggistico. Non manca un fotosafari pomeridiano all’interno del Parco Kruger accompagnati da un esperto ranger.

La giornata del 29 marzo continua all’insegna della scoperta della natura nella parte settentrionale della Panorama Route dove viene dato spazio al principale punto di interesse: il Blyde River Canyon, il terzo al mondo in ordine di grandezza e l’unico con le sponde vegetate. Lo scenario è da cartolina così come non è da meno il “Bourke’s Luck Potholes” con le sue incredibili pozze scolpite dall’erosione fluviale.

Si prosegue per l’esclusiva visita alla Riserva Privata di Makalali per intraprendere un entusiasmante safari che proseguirà anche il giorno successivo alla ricerca dei famosi “Big Five” (elefanti, bufali, rinoceronti, leoni e leopardi) che i cacciatori di fine ‘800 consideravano tra i più difficili ed eccitanti da cacciare.

Si parte poi per Cape Town per una visita alla Penisola del Capo, un lembo di terra di rara bellezza che separa idealmente le fredde e tumultuose acque dell’Oceano Atlantico dalle più calde e miti acque dell’Oceano Indiano. Ad Hout Bay è prevista una breve escursione in barca per ammirare una nutrita colonia di otarie.

Si prosegue verso la Riserva Naturale del Capo di Buona Speranza in un alternarsi di grandiosi paesaggi sino alla sommità di “Cape Point” per ammirare il luogo virtuale dell’incontro dei due oceani. Sulla spiaggia di Boulder, tra villette sul mare e splendide spiagge, si potrà ammirare da pochi passi una simpatica colonia di pinguini. E per finire la vacanza nel migliore dei modi, non può mancare una tappa alla Table Mountain e approfittare dei deliziosi vini locali. 

Fonte: SOUTH AFRICAN TOURISM

Potrebbe interessarti:

  Sudafrica a misura di bambino
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti