Con Visit Brescia alla scoperta del territorio attraverso “l’arte del fare”

Print Friendly, PDF & Email

 


Negli ultimi anni uno dei trend del turismo più in voga è il turismo esperienziale che permette al visitatore di avere una conoscenza migliore di un luogo, attraverso l’immersione  totale nella quotidianità degli abitanti. Visit Brescia propone, tra le tante, un’esperienza di viaggio che attraversando la città lombarda, si muove sulle sponde dei laghi e si inerpica per i pendii delle colline e delle prime montagne, per poi tuffarsi tra i profumi delle vigne e delle cantine.


 

Nelle vigne della Valle Camonica, Andrea e Marco accolgono i curiosi e gli appassionati del mondo del vino tra le botti in acciaio e in legno di rovere dell’azienda agricola Luscietti-Bignotti di Piamborno. Qui, i più giovani eredi di una tradizione di famiglia si fanno interpreti del “Cultivar delle Volte”, rosso con uvaggi di Merlot e Barbera frutto dei vitigni storici già coltivati da nonno Pietro sin dagli anni ‘50. E sempre qui, diventano guide d’eccezione per un’esperienza a tutto tondo, con accenni alle tecniche di produzione e al processo di imbottigliamento, conclusa da una degustazione di vini con introduzione alla terminologia specifica e agli strumenti del mestiere dei sommelier. Ad accompagnare i calici e la narrazione del cantiniere Paolo un’adeguata selezione di formaggi e salumi locali.

Vini di carattere arrampicati in Valle Camonica è proposta al prezzo di 19 euro a persona.

 

A Braone protagonista è l’antica arte degli artigiani camuni:  i maestri dell’intaglio e della scultura del legno guidati da Franca Ghitti non risparmiano racconti e dimostrazioni del loro lavoro all’interno del laboratorio. Sgorbie e pialle sono gli strumenti del mestiere coi quali prendere confidenza per creare dal cirmolo ogni volta un pezzo unico e fatto a mano, che si tratti di mobili, figure sacre, bassorilievi, decori e complementi d’arredo. Ai partecipanti vengono forniti colori e pennelli per dare luce e tratti alle piccole sculture tipiche della valle con estro e armonia: un giorno da artigiani al prezzo di 35 euro a persona e gratis per i bambini.

 

Sempre in Valle Camonica, Claudio rivela i vari modi attraverso cui può prendere vita un pezzo di legno. Il tornio è la bacchetta magica che trasforma un ceppo in utensili da cucina, giochi per bambini, gambe da tavolo, attaccapanni e piccoli gioielli. In un giro di pialla e pirografo, i trucioli volanti diventano testimonianza di un viaggio nella quotidianità della falegnameria tradizionale a 15 euro a persona, che lascia come ricordo oggetti creati insieme alla guida d’eccezione, come trottole, ciotole, fiaschi di vino, mattarelli o mazze da baseball.

 

In un percorso logico, ci si può avventurare nell’Arte del Far Carta a Toscolano Maderno, sul Lago di Garda, dove Filippo, Marco e Valentina hanno recuperato i segreti e i procedimenti degli Anziani Cartai e ora si propongono con i loro prodotti fatti a mano a un mercato di appassionati e intenditori. Nel laboratorio – al prezzo di 39 euro a persona – si scoprono i passaggi necessari a creare singoli ed eleganti fogli a partire da fibre vegetali pure o di riciclo, ritornando con la mente al XIV secolo, quando le cartiere della valle operavano incessantemente col favore della mitezza del clima e dell’abbondanza d’acqua garantita dal torrente Toscolano.

Maina Inferiore, Valle delle Cartiere. 06-10-16.

 

Dalla carta del Lago di Garda al dietro le quinte di panetteria e pasticceria sul Lago d’Idro e Valle Sabbia, il passaggio nel laboratorio della Pasticceria Bazzoli di Odolo chiama in causa un’altra declinazione del fare della provincia di Brescia. Gli aspiranti artigiani del pane non possono lasciarsi sfuggire l’occasione di penetrare nel regno di Beniamino, in cui il lievito madre genera impasti fragranti. Le sue appassionate spiegazioni sono fondamentali per comprendere i segreti del connubio tra selezione delle materie prime e moderne tecniche di panificazione, necessari nel momento della degustazione consapevole dei migliori prodotti appena sfornati, dopo aver messo letteralmente le mani in pasta, tra nuvole di farina e olio di gomito.

Impastando e lievitando: fragranze di pane è proposta al prezzo di 15 euro a persona.

Dal cantiere nautico al rimessaggio sul Lago d’Iseo, la passeggiata all’interno della Nautica Bellini in compagnia di Martina è un tuffo all’indietro nel tempo, all’epoca d’oro delle imbarcazioni Riva che, specie negli anni ’50 erano un autentico status symbol. Assistere alle fasi di un restauro completo, nel backstage di una collezione composta di 22 esemplari, dei quali 3 unici al mondo, trasmette ad appassionati e curiosi il lusso di un’emozione sprigionata dalla possibilità di toccare il mogano della chiglia e apprezzare le fattezze dei natanti. Se da aprile a ottobre ci si può anche prenotare per un tour in barca, l’amore di Romano Bellini per questi capolavori delle acque è in grado di trasmettere in ogni momento l’entusiasmo di questa gita dal sapore vintage in una location unica, in un piccolo grande monumento al design italiano e all’arte del restauro.

La Dolce Vita sul Lago d’Iseo è proposta al prezzo di 25 euro a persona.

 

Terroir, vini ed etichette sono le parole d’ordine per la degustazione non convenzionale negli spazi dell’azienda agricola San Michele a Capriano del Colle. Fautori di una vendemmia biologica che mira a valorizzare il vitigno autoctono del Marzemino, arrampicato sul Monte Netto, Elena e Mario trasmettono tutta la loro passione in un tour attraverso i processi di vinificazione a partire dalla bacca blu-nerastra. Oltre a una sana degustazione con spiegazione dei parametri olfattivi e gustativi e suggerimenti di abbinamenti gastronomici, l’esperienza prevede anche l’impresa di cimentarsi con la realizzazione fronte-retro di un’etichetta completa di peculiarità e parametri di imbottigliamento del vino assaggiato, in modo da tornare a casa con una bottiglia personale e unica. Appassionati di vini e di colture agricole biologiche ma anchesemplici curiosi guidati dal desiderio di imparare qualcosa di più su un procedimento tanto affascinante non possono che apprezzare la full immersion di Eccellenze in rosso: il Marzemino di San Michele, proposta al prezzo di 20 euro a persona.

 

Cosa unisce l’operosa provincia di Brescia e Leonardo DiCaprio? All’apparenza, niente. Ma, se si guarda con attenzione il fucile imbracciato dal personaggio interpretato dall’attore in “The Revenant”, si concluderà che quella raffinata e impeccabile opera di riproduzione non può che uscire dalla prestigiosa Davide Perdersoli & Figli di Gardone Val Trompia. Autentico tempio per i fan della rievocazione delle battaglie e per gli appassionati di storia militare, l’azienda ripercorre dal 1957 le epoche dell’umanità attraverso la realizzazione di modelli fedeli e di altissima qualità di armi storiche e sportive, lavorate manualmente e con il prezioso contributo di maestri incisori. La visita allo show room e la possibilità di toccare con mano le interpreti di antiche battaglie valgono il viaggio. Ma è l’abilità degli artigiani, la vera protagonista di un’esperienza sorprendente, che apre una finestra inconsueta sul mondo poco conosciuto della riproduzione di armi antiche.

Dalla Valle Trompia a Hollywood: armi da Oscar è proposta al prezzo di 10 euro a persona.

A Cigole, la cooperativa L’Antica Terra mira a preservare le biodiversità e le tradizioni del territorio, trasmettendo l’amore per il lavoro agricolo. Insieme alla erbe spontanee che crescono nella pianura bresciana, le spighe di monococco – antica varietà di cereale presente già nell’età del bronzo – sono la materia prima dell’arte di Elisa, operatrice olistica specializzata in cucina naturale e regno vegetale. È lei a dettare i tempi e i modi di un workshop incentrato sulla lavorazione del casoncello, tipico tortello di pasta fresca con farina di monococco, ripieno di erbe spontanee e grana padano. Seguendo le indicazioni di una maestra d’eccezione, si ottengono personalissimi casoncelli, che vengono poi degustati con birra artigianale, anch’essa prodotta con grano monococco, prima di andare alla scoperta di chicche come biscotti veg, tisane, salse, pasta secca di grani antichi, farine.

Il costo per la partecipazione a Casoncelli di monococco alle erbe spontanee è di 20 euro a persona.

Tornando ai vini, sul Lago di Garda è possibile scoprire la realtà di un’azienda vinicola come quella dei Fratelli Girelli, autori di Orestilla, Lugana campione del mondo. Realizzata secondo i canoni della bioarchitettura e immersa tra vigne, rose e lavanda, la cantina è il simbolo di una filosofia che non teme la sperimentazione e l’apertura delle porte ad appassionati motivati ad apprezzare le peculiarità che il terroir di Montonaletrasmette ai vini. Si comincia con una camminata tra le viti, per poi insinuarsi tra i tini d’acciaio, le botti in rovere e le anfore di ceramica dell’ambiente dedicato alla vinificazione, lasciandosi incantare dal racconto dei processi di produzione, nell’attesa della degustazione verticale guidata con vista sui vigneti: il programma comprende 3 annate di ogni etichetta, per un totale di 6 vini, con l’accompagnamento di croccanti grissini artigianali, salumi e formaggi tipici.

La verticale di Lugana in degustazione, con i suoi racconti e i suoi segreti, è proposta al prezzo di 35 euro a persona.

Quella delle reti a Monte Isola è una storia importante, legata all’arte della pesca, che alimenta l’economia di un territorio e spande le sue trame in giro per il mondo. Nate come strumento indispensabile per chi si guadagnava da vivere gettandole in mare, oggi sono utilizzate in eventi sportivi internazionali nell’ambito del tennis, del calcio o del basket. Veterana retaia, Daniela è la figura ideale per offrire una panoramica sull’unicità e sulfascino di un’arte antica che diventa anche oggetto di un piccolo laboratorio per testare l’abilità dei presenti con ago e filo. Andando con ordine, si inizia dalla visita al museo e si prosegue con la realizzazione di un manufatto di corda e rete, come tradizione comanda, senza tralasciare di dare un’occhiata all’attuale modello produttivo, tra innovazione e procedimenti tradizionali.

In rete a Montisola è proposto al prezzo di 37 euro a persona.

Gli appassionati d’arte e del recupero di capolavori messi a repentaglio dall’attacco del tempo e degli eventi non possono non entusiasmarsi entrando nello studio di Renato e di sua figlia Ivana a Brescia. Se non bastasse lo spettacolo delle loro mani e dei loro occhi alla ricerca della perfezione tra cornici, tele, affreschi e policromie lignee, La Tavolozza di Colore di Giotto e Michelangelo lascia nel cuore un’esperienza da provetti pittori impegnati a costruire un personale ventaglio cromatico. All’interno di un palazzo storico affrescato con opere di fine ‘500 e ‘700, le parole e i gesti di Ivana stendono un ponte tra l’oggi, il Rinascimento e le sue eclatanti anticipazioni, offrendo chiare istruzioni sulla macinazione delle terre naturali e colorate con pestello di marmo e acqua. A casa, il foglio disegnato col colore dei maestri e il kit del restauratore “Dipinto Celato” – compresi nel prezzo di 35 euro a persona – dimostrano che questo viaggio nel tempo non è stato solo un sogno.

Per chiudere in bellezza non si può che arrivare al caffè. Gli appassionati dell’argomento si scioglieranno come zucchero in un espresso, seguendo Fabio in un inedito viaggio sensoriale e culturale tra gli impianti di trasformazione dei chicchi della Torrefazione Agust di Brescia, provenienti dalle principali piantagioni del pianeta. In questo luogo ricco di aroma e fondato su una filosofia della sostenibilità e della naturalezza che consente solo la produzione di miscele in arrivo da agricoltura biologica, portare la tazzina alle labbra per un assaggio ragionato diventa un modo per comprendere tutti i dettagli di un processo che coinvolge una variegata geografia umana.

Il mondo in una tazzina: amaro e sublime è proposto al prezzo di 15 euro a persona, comprensivo di una confezione delle migliori miscele Agust.

Info: Visit Brescia

Potrebbe interessarti:

 Week end nella Puglia sconosciuta: un itinerario dall’Alta Murgia alle gravine
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Riaperta la strada per Cervinia

Valtournenche. E’ stata riaperta la strada tra Valtournenche e Breuil-Cervinia, chiusa da lunedì 8 a causa del pericolo valanghe. Finisce così l’isolamento per circa cinquemila ...
Vai alla barra degli strumenti