Cosa mangiare a Cremona: i piatti tipici

Print Friendly, PDF & Email
Cremona tortelli

Sono tanti i piatti della tradizione da provare nel Cremonese: dai tortelli al bollito, dal salame alla mostarda, passando per i formaggi.


Assaporare i piatti tipici di un luogo è un modo sempre valido per scoprire le sue caratteristiche. È anche il caso di Cremona e dei suoi dintorni, una zona ricca di ricette tradizionali, tutte da scoprire.

I primi

Si inizia dai primi piatti, in particolare dai marubini cremonesi. Si tratta di pasta ripiena (della dimensione di una castagna) a base di farina di grano duro, tenero e uovo, con carne di manzo marinata con verdure o vino rosso, carne di vitello arrostita e profumata con salvia o rosmarino. Come alternativa al vitello, si usa anche la carne di maiale spruzzata di vino bianco oppure il “pistum” (impasto di salame cremonese). Assolutamente da provare sono i marubini ai tre brodi, il cui procedimento consiste, in breve, nel mettere insieme pollo (cappone o gallina), manzo, carne di maiale e verdure, in acqua fredda. 

Un altro primo piatto della tradizione da assaggiare sono i tortelli cremaschi, in cui il dolce-speziato del ripieno si mischia al salato della pasta, in un sottile equilibrio di sapori. Il segreto per prepararli a regola d’arte è bilanciare le quantità di ripieno e pasta, evitando di usare quella all’uovo, non adatta ai tempi di cottura (20/40 minuti). 

I secondi 

Tra i secondi è da menzionare un piatto semplice, ma saporito: un mix di carni dai tagli più poveri, cotte per ore e ore in acqua bollente. Si tratta del Gran Bollito, un “piatto della domenica” per i locals.  Una volta messi in pentola, gli ingredienti devono cuocere per tre ore abbondanti.

Due prodotti da assaggiare a Cremona e dintorni sono anche il tipico salame e la mostarda. Il sapore del salame Cremona IGP è inconfondibile, aromatico e speziato, con un gusto deciso che lo rende perfetto con vari tipi di abbinamento, dalla classica fetta di pane sino alla frutta. La mostarda, a base di frutta, zucchero ed essenza di senape, di solito molto piccante, è usata invece per accompagnare carni bollite e grigliate.

Non possono poi mancare i formaggi tipici: dal Quartirolo Lombardo DOP, formaggio vaccino a pasta molle, al  Taleggio DOP, da abbinare a confetture e vari tipi di miele, oppure alla polenta. Ma anche il  Provolone Valpadana DOP, dalla lunga stagionatura, e il Grana Padano DOP, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

I dolci 

Per terminare i pasti l’ideale è una fetta di dolce Cremona (a base di zucchero, uova, burro, farina, fecola e mandorle), un pezzetto di torrone o la celebre Sbrisolosa, la cui ricetta era conosciuta già prima del ‘600. 

 

Festa del Torrone Fonte: Festa del Torrone Il 13 novembre parte a Cremona la Festa del Torrone

 

Fonte: In Lombardia

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti