Vieni a Massa Marittima a scoprire la fotografia stenopeica con “Slow Photo”

Print Friendly, PDF & Email
Massa Marittima, foto di Massimo Pelagagge per la Slow Photo

L‘affascinante fotografia stenopeica torna a Massa Marittima con “Slow Photo”, dal 29 aprile al 1 maggio.

Torna a Massa Marittima la fotografia in bianco e nero con “Slow Photo” da sabato 29 aprile a lunedì 1 maggio. La manifestazione, nella perla medievale nel cuore delle Colline metallifere (Gr), è nata per celebrare la giornata mondiale della fotografia stenopeica domenica 30 aprile. Quest’anno giunge la terza edizione.

“Slow Photo” è organizzata dal Gruppo Fotografico Massa Marittima BFI e da Acsaf (Archivio Contemporaneo Stampa Arte Fotografica) con il patrocino e contributo del Comune di Massa Marittima.

Si tratta di una tecnica fotografica particolare in bianco e nero che ha avuto origine all’inizio del secolo scorso. 

Il procedimento fotografico sfrutta il principio della camera oscura per riprodurre immagini dove la fotocamera utilizza un foro stenopeico. È un foro molto piccolo che viene usato come un obiettivo per creare un’immagine.

Foto di Massimo Pelagagge per la Slow Photo

@ acsaf.it

Sono tanti gli appassionati che hanno sperimentato le possibilità offerte dalle macchine forate dai tempi lunghi di esposizione e della camera oscura e altri ritocchi di post produzione. Per questo motivo, la fotografia stenopeica è diventata una vera variante dell’arte delle immagini.

Slow Photo” prevede una mostra con le immagini di Enrico Borgogni e Massimo Pelagagge. I due fotografi espongono stampe fine art realizzate da Acsaf su pregiata carta della Cartiera Magnani di Pescia.

L’inaugurazione si svolge domenica 30 aprile ore 10 presso il Portale degli Etruschi in Piazza XXIV Maggio a Massa Marittima, alla presenza degli autori. La mostra è ad ingresso libero. Rimane aperta dal 29 aprile al 1 maggio, dalle ore 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 19 .

 

Per maggiori informazioni potete consultare il sito  www.acsaf.it

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti