Weekend da lupi, raffica di temporali e crollo termico

Print Friendly, PDF & Email

Tra poche ore un ciclone atlantico raggiungerà l’Italia.


Il grande caldo subirà un brusco stop nell’imminente weekend, proprio in concomitanza con il primo grande esodo degli italiani per le vacanze. Un ciclone di origine atlantica sta per fare il suo ingresso sull’Italia. Già da oggi, venerdì 26 luglio avremo le prime avvisaglie di un cambiamento, con un calo della pressione a partire da ovest e temporali più frequenti al Nord, localmente anche in pianura.
Sabato 27 il tempo sarà in graduale peggioramento dalle Alpi e le Prealpi verso la Pianura Padana, quindi la Liguria e infine la Toscana. Precipitazioni via via più diffuse sotto forma di temporali con grandine e locali rinforzi del vento interesseranno entro sera e notte tutto il Nord e la Toscana. I fenomeni più intensi si avranno tra la serata e la nottata su domenica, quando il ciclone raggiungerà il Nord arrecando un’intensa maltempo, anche sotto forma di locali nubifragi.
Domenica 28 il vortice ciclonico si incamminerà verso i Balcani. Sin dalle prime ore della giornata forti piogge, nubifragi e violente raffiche di vento, interesseranno tutto il Nord, ma anche Umbria, Lazio e Marche e più giù fino in Campania. Temporali forti sono attesi a Milano, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. Piogge abbondanti o molto abbondanti colpiranno il Nordest. Qualche rovescio potrà interessare anche la Sardegna mentre sul resto del Sud il tempo sarà più soleggiato.
Oltre alle precipitazioni si dovrà fare attenzione anche al vento che soffierà impetuoso sulle coste, con raffiche fino a 80km/h in Sardegna e fino a 60 km/h su Lazio e Toscana. Per quanto riguarda le temperature invece, avremo un vero e proprio crollo al Centro-Nord (fino a 10/15°C in meno), il quale contribuirà a togliere la sensazione di afa e a riportare quindi un po’ di refrigerio.

 

 

Fonte: il meteo.it

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Meteoweekend

Dallas, capitale del turismo

Non sapersi orientare in una città non vuol dire molto. Ma smarrirsi in essa, come ci si smarrisce in una foresta, è una cosa tutta ...
Vai alla barra degli strumenti