Il Corpo e l’Anima, al Louvre la scultura italiana del Rinascimento

Print Friendly, PDF & Email

Dal 22 ottobre il Louvre ospita la mostra “Il Corpo e l’Anima”, con 140 sculture del Rinascimento italiano, da Donatello a Michelangelo.


Un percorso artistico d’eccezione per la mostra che apre il 22 ottobre al Louvre nella Hall Napoleon dal titolo emblematico “Il Corpo e l’Anima”, da Donatello a Michelangelo, con 140 sculture italiane del Rinascimento, esposizione organizzata con il museo del Castello Sforzesco di Milano sui capolavori della seconda metà del XV secolo, con lo sbocciare nel suo massimo splendore della raffigurazione della figura umana. Da Firenze a Venezia a Roma, le forme e i movimenti del corpo conquistano il centro di interesse di alcuni fra i più grandi artisti della storia, a cominciare da Michelangelo.

Ma nella mostra al Louvre si scoprono artisti meno celebri e si ritrovano tutte insieme opere non sempre accessibili per la loro collocazione abituale, in chiese, piccoli comuni o riserve dei musei. Il Corpo e l’Anima è la “seconda puntata” della mostra che il Louvre propose nel 2013 insieme con Palazzo Strozzi di Firenze, consacrata agli albori dell’arte del Rinascimento a Firenze nella prima metà del Quattrocento. L’esposizione si articola in tre parti: “Il furore e la grazia“, con opere che traducono la forza e l’esasperazione dei movimenti ispirati da modelli antichi. Si succedono le opere di Antonio del Pollaiolo o Francesco di Giorgio Martini. Nella stessa sezione, ma come contraltare, si ammirano drappeggi eleganti che avvolgono corpi soprattutto femminili, mettendo in evidenza – stavolta – la grazia del corpo nudo. Segue la sezione “Emozionare e convincere“, che mette in risalto la volontà di toccare con forza, nelle rappresentazioni sacre, l’anima dello spettatore.

Con l’opera di Donatello, l’emozione e i movimenti dell’anima conquistano un posto chiave nell’arte e le commoventi figure di Maria Maddalena o di San Girolamo fioriscono in molte città d’Italia con la loro ricerca del pathos religioso. Infine, Da Dioniso ad Apollo, si passa alla riflessione senza sosta sull’antichità classica nelle opere come lo Spinario o Laocoonte: parallelamente allo stile dolce del Perugino o del giovane Raffaello, anche nella scultura si sviluppa una nuova armonia che trascende i gesti e i sentimenti più estremi. Star dell’esposizione, Michelangelo la cui inarrivabile ispirazione unita alla tecnica senza pari conducono al punto d’arrivo del classicismo di inizio XVI secolo con Lo Schiavo Morente, per arrivare poi all’inverso alla dinamica ascendente dell’essere umano, che volge lo sguardo verso il mondo divino nella figura atletica de Lo Schiavo Ribelle. La mostra rimarrà aperta al pubblico al Louvre fino al 18 gennaio 2021. Dal 5 marzo al 6 giugno sarà poi visibile al Museo del Castello Sforzesco di Milano.

Fonte: Ansa

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti