Ricostruire il Centro Italia con la moda

Print Friendly, PDF & Email

 

La moda scende in campo a favore della ricostruzione nelle zone del sisma. A 10 mesi dal terremoto che ha colpito il Centro Italia, sono varie le iniziative di solidarietà da parte del mondo della moda per aiutare Umbria, Marche e Abruzzo.

Queste zone del Centro Italia sono molto importanti per la filiera produttiva, in particolare le Marche per il settore calzaturiero e l’Umbria per i filati. Il Gruppo Tod’s che ha sede nelle Marche si occuperà della riqualificazione di una delle cittadine più colpite dal sisma, Arquata del Tronto. Qui, i Della Valle costruiranno una fabbrica pronta entro la fine dell’anno. 

Brunello Cucinelli, fondatore dell’omonima azienda specializzata nelle produzione di cashemere e filati pregiati che ha sede nel borgo di Solomeo, non molto distante da Norcia, ha deciso di finanziare il restauro del Monastero di San Benedetto e della Torre civica cittadina, quest’ultima insieme a Howard Schultz di Starbucks e Marc Beniofff di Salesforce.  OVS ha ideato una campagna di raccolta fondi per il restauro del dipinto del XVII secolo la “Madonna col Bambino in gloria, Santa Scolastica e altri Santi” della Basilica di San Benedetto.

La designer Maria Luisa Spina, avvocato di origini abruzzesi, ha debuttato nel mondo della moda con una nuova linea di borse made in Abruzzo. Il nome delle linea di borse , 3T (terra, tenacia e tradizione), esprime bene ciò che l’ha ispirata nell’intraprendere questa nuova sfida.

 

Potrebbe interessarti:

Terremoto Centro Italia, la situazione attuale e la timida rinascita del turismo
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti