Festival del Medioevo 2021: Dante protagonista a Gubbio

Print Friendly, PDF & Email
via festival del medioevo gubbio

Ad aprire e a chiudere i cinque giorni di iniziative, gli storici Franco Cardini e Alessandro Barbero. 

Il tempo di Dante è il tema della settima edizione del Festival del Medioevo, in programma a Gubbio dal 22 al 26 settembre 2021. La manifestazione quest’anno si aprirà con un omaggio speciale. Il festival è infatti dedicato alla memoria di Marco Santagata, lo scrittore e storico della letteratura scomparso nel novembre del 2020, considerato uno fra i più grandi studiosi mondiali della poesia trecentesca e della vita dell’opera di Dante Alighieri.

Sarà lo storico Franco Cardini ad aprire la manifestazione, mercoledì 22 settembre con la lectio magistralis Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza. Alessandro Barbero chiuderà il festival nella serata di domenica 26 settembre con La vita politica al tempo di Dante

Come ogni anno, fra i protagonisti dell’evento, molti tra i maggiori storici italiani e europei. Conferme e ritorni, da Chiara Frugoni a Massimo Oldoni, fino a Maria Giuseppina Muzzarelli, Mariateresa Fumagalli, Gabriella Airaldi, Gabriella Piccinni, Alberto Grohmann, Matteo Saudino, Amedeo Feniello, Chiara Mercuri e Paolo Golinelli. Insieme a loro, un altro centinaio di docenti di letteratura, scrittori, saggisti, storici dell’arte, filosofi, scienziati, architetti e giornalisti.

Fra i dantisti, i filologi e gli storici della letteratura saranno presenti a Gubbio alcuni fra i principali studiosi della vita e dell’opera del grande poeta. Fra questi, Mirko Tavoni, Alberto Casadei, Claudio Giunta, Luca Serianni, Claudio Marazzini, Federico Maria Sanguineti, Massimo Arcangeli, Aldo Onorati e Giulio d’Onofrio.

Da segnalare quattro appuntamenti speciali dedicati a Dante e alla storia dell’arte con protagonisti Serena Romano, Alessio Monciatti, Jacopo Veneziani e Leonardo Catalano.

 

Fioravanti, Cardini e Barbero. Via Festival del Medioevo.

Fioravanti, Cardini e Barbero. Via Festival del Medioevo.

 

Gli altri eventi in programma

A partire dalla Fiera del libro medievale con tutto quello che c’è da leggere sul Medioevo, vi saranno sei speciali appuntamenti, tutti legati a Dante e al suo secolo. Innanzitutto il focus Dante e Gubbio con lezioni su Cante Gabrielli, il podestà eugubino di Firenze che condannò Alighieri all’esilio, Oderisi, «l’onor d’Agobbio» e il misterioso poeta Bosone de’ Raffaelli (giovedì 23 settembre). Segue poi la giornata dedicata ai Medievalismi, che descrive la ricezione, l’utilizzo e la rappresentazione post-medievale dell’Età di Mezzo tra film, saghe televisive, letterature, musiche, fumetti e videogiochi (venerdì 24 settembre).

In seguito, la Scuola dei Rievocatori, appuntamento che valorizza l’analisi delle fonti storiche. Racconterà l’appassionato lavoro di centinaia di associazioni e di migliaia di persone che in ogni regione d’Italia fanno rivivere la storia e le tradizioni popolari dei loro territori. Segue poi Medioevo da leggere, con una selezione dei volumi dedicati a Dante nell’anno del settecentesimo anniversario dalla morte (sabato 25 settembre).

Si arriva infine a Dante e Tolkien, un approfondimento mirato ad esplorare le analogie fra due mondi letterari che affrontano in modo nuovo e profondamente diverso tra loro la storia della salvezza dell’uomo.

I segreti di uno scriptorium medievale rivivranno per cinque giorni in uno degli appuntamenti più attesi. Miniatori e calligrafi dal mondo, l’evento dedicato all’arte paziente dei miniaturisti, dei calligrafi e degli amanuensi è organizzato in collaborazione con la casa editrice Arte del libro – unaluna

La manifestazione prevede anche mostre, eventi teatrali, recital, concerti di musica medievale, lezioni-spettacolo, laboratori di danza e visite guidate alla scoperta dell’Umbria medievale, insieme a spazi particolari dedicati alla rievocazione storica, all’artigianato e agli antichi mestieri.

 

Al via dal 26 agosto il Festival Internazionale dei Templari di Alessandria

 

Patrocini scientifici e partner

Il Festival del Medioevo gode di importanti patrocini scientifici. Fra questi, Accademia della Crusca; Società Dantesca Italiana; Società D. Alighieri; Istituto Storico Italiano per il Medio Evo (Isime); Enciclopedia Treccani; Fondazione G. Pallavicini Onlus umanitaria e culturale, Società Italiana Storici Medievisti (Sismed); Società degli Archeologi Medievisti Italiani (Sami); Pontificio Consiglio della Cultura in Vaticano; Centro Studi Longobardi; Centro di studi storici mediterranei M. Tangheroni e Centro di Cultura e Storia Amalfitana.

I sostenitori istituzionali del Festival del Medioevo sono la Regione Umbria, il Comune di Gubbio, il Gruppo Azione Locale Alta Umbria, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, la Camera di Commercio dell’Umbria.

Inoltre, tra gli enti privati che sostengono il Festival il gruppo Colacem, la Fondazione G. Pallavicini Onlus Umanitaria e Culturale, la Fondazione G. Mazzatinti, le aziende MetalProgetti, Tecla, CVR e NewFont.

La RAI, con RAI Cultura e RAI Storia è il principale media partner della manifestazione, insieme alle riviste di divulgazione storica MedioEvo e Archeo.

Collaborano inoltre in modo stabile con il Festival del Medioevo anche Italia Medievale, portale web impegnato da molti anni nella promozione del patrimonio storico e artistico del Medioevo italiano; MediaEvi, pagina Facebook specializzata nell’analisi dei cosiddetti medievalismi; il sito Medievaleggiando; Feudalesimo e Libertà, fenomeno social di goliardia e satira politica; il sito e la casa editrice Enciclopedia delle donne, un’opera collettiva sul web che raccoglie le biografie di donne di ogni tempo e paese. Collabora infine Radio Francigena, la voce dei cammini.

Grazie infine alla partnership con Libera Università S. Maria Assunta (LUMSA) e Fondazione G. Mazzatinti di Gubbio, enti accreditati presso il MIUR, la partecipazione alle sessioni di convegnistica da diritto al rilascio di attestati di partecipazione a studenti e docenti, con possibilità di esonero dal servizio secondo la normativa attualmente in vigore.

Fonte: Festival del Medioevo.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti